Scoperto di conto corrente: niente commissione per chi va in - Prestiti a reggio Calabria - Prestiti a Reggio Calabria

Vai ai contenuti

Menu principale:

Scoperto di conto corrente: niente commissione per chi va in

Pubblicato da in prestito · 2/10/2012 16:03:48

Con 207 voti favorevoli, 27 contrari e un astenuto, il Senato nella seduta del 2 maggio ha approvato, con modificazioni, il ddl n. 3221 di conversione in legge del decreto-legge 24 marzo 2012, n. 29 (Disposizioni urgenti recanti integrazioni al decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, e al decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214), concernente disposizioni urgenti in tema di commissioni bancarie sulle aperture di credito.
Il provvedimento integra i due precedenti interventi legislativi indicati nella rubrica del decreto medesimo ed anch’essi a suo tempo emanati dal Governo tramite decretazione d’urgenza, correggendo in particolare la norma che considerava nulle tutte le clausole che prevedono commissioni sulle aperture di credito a favore delle banche contenuta nel decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27 (cosiddetto “decreto liberalizzazioni”).
A conclusione dell’esame in sede referente sono stati approvati importanti emendamenti che integrano la composizione e ampliano le funzioni dell’Osservatorio sull’erogazione del credito;estendendo il monitoraggio alle condizioni richieste dalle banche alle famiglie e alle imprese; prevedono la possibilità per i prefetti di segnalare anomalie all’arbitro finanziario; stabiliscono che gli sconfinamenti fino a 500 euro, di durata non superiore a sette giorni per trimestre, non sono soggetti a commissione.
In particolare, relativamente a tale ultimo punti, l’emendamento, già approvato dalla commissione Industria e ribadito dall’aula, stabilisce infatti che “le famiglie consumatrici titolari di conto corrente, nel caso di sconfinamenti pari o inferiori a 500 euro in assenza di affidamento ovvero oltre il limite del fido, per un solo periodo, per ciascun trimestre bancario, non superiore alla durata di sette gironi consecutivi".




Nessun commento

Torna ai contenuti | Torna al menu